REDDITO FISSO, COS’E’

Ecco una breve guida per iniziare a investire nel reddito fisso.

Introduzione all'investimento in obbligazioni

Le obbligazioni – dette anche reddito fisso o bond – sono essenzialmente titoli di credito. Governi e aziende prendono in prestito capitale mediante l'emissione di obbligazioni e si impegnano a restituire tale capitale alla scadenza dell'obbligazione. Un ETF (exchange-traded fund) obbligazionario è un insieme di bond scambiato in borsa, come le azioni.

Capitale a rischio. Il valore e il reddito degli investimenti possono aumentare o diminuire e non sono garantiti. Gli investitori potrebbero non recuperare il capitale iniziale.

Sei un investitore professionale? Clicca qui.

Introduzione alle obbligazioni

Che cosa possono fare un governo, un'autorità pubblica o una società per raccogliere capitali? Una possibilità è l'emissione di titoli a reddito fisso, o obbligazioni.

Le obbligazioni vengono acquistate dagli investitori che ricevono un interesse fisso annuale e si vedranno restituire il valore nominale del bond a una data prestabilita. Tale data corrisponde alla scadenza dell'obbligazione.

Perché la scadenza di un'obbligazione è importante?

È possibile acquistare obbligazioni con le scadenze più diverse, da pochi mesi a diversi anni. I bond con scadenze più lunghe – ad esempio 20 anni da oggi – sono considerati più rischiosi di quelli a breve. Il maggior rischio deriva dalla difficoltà di prevedere l'evoluzione dell'economia. Le obbligazioni a lunga scadenza di norma pagano interessi più elevati in ragione della maggior esposizione del detentore ai rischi di tasso di interesse e di inflazione.

 


Motivi per cui gli investitori scelgono le obbligazioni

Chi emette obbligazioni?

A emettere obbligazioni non sono solo i governi, ma anche le società. I governi di Paesi come Regno Unito e USA vantano un buon track record quando si tratta di rimborsare i loro bond. Le obbligazioni governative sono considerate meno rischiose di quelle emesse dalle società. Di norma le obbligazioni corporate pagano un interesse più elevato per ricompensare l'investitore che si assume il rischio di perdita.

 


Motivi per cui gli investitori scelgono le obbligazioni

In che cosa consiste il valore di un'obbligazione?

Nel valutare un bond consideriamo il suo rendimento. Espresso in percentuale annua, il rendimento tiene conto del prezzo di acquisto dell'obbligazione e dei pagamenti degli interessi attesi sino alla scadenza. Alcuni altri fattori, come i tassi di interesse e l'affidabilità creditizia dell'emittente, influiscono sul rendimento. Le obbligazioni più rischiose offrono rendimenti più elevati.

 


Motivi per cui gli investitori scelgono le obbligazioni

Inserire le obbligazioni nella propria strategia accresce la diversificazione e quindi la resilienza del portafoglio. Si tratta di un aspetto particolarmente rilevante per gli investitori che negli ultimi anni hanno incrementato l'esposizione azionaria dati i bassi tassi di interesse.

Che cosa si intende per diversificazione

Un portafoglio diversificato ripartisce il rischio mediante investimenti in asset diversi come obbligazioni e azioni. Per chi segue questo approccio è essenziale investire in asset non correlati tra loro, vale a dire che reagiscono in modo diverso agli sviluppi economici.

Spesso, quando i tassi di interesse sono bassi ma l'economia è in crescita, gli investitori sono incoraggiati a optare per fonti di reddito e rendimento più rischiose. Ad esempio, passando dai bond alle azioni.

Il problema è che così facendo potrebbero ampliare l'esposizione al rischio azionario del portafoglio. In tal caso il portafoglio sarebbe meno diversificato e quindi potenzialmente più vulnerabile a un sell-off della borsa (vale a dire un'ondata di vendite di titoli azionari in seguito a oscillazioni del mercato o eventi politici).

Rischio: diversificazione e asset allocation potrebbero non proteggere completamente l'investitore dal rischio di mercato.

Per beneficiare di un flusso di reddito stabile l'investitore può puntare su un mix di obbligazioni più o meno rischiose. Tale scelta accresce la diversificazione e contribuisce a generare reddito senza erodere il capitale.

L'universo obbligazionario

Il reddito è la ragione principale della crescente popolarità acquisita dai bond negli ultimi anni. Tanto i fondi comuni quanto gli ETF obbligazionari investono in un'ampia gamma di bond che promettono il pagamento di un interesse fisso.

Molti investitori vogliono puntare a un reddito regolare senza erodere i rendimenti complessivi. A tal fine sono fondamentali la diversificazione e la consapevolezza del rischio. Le obbligazioni con una minore affidabilità creditizia offrono di norma un rendimento superiore. Per contro, i bond considerati più sicuri sono meno redditizi. L'investimento in un portafoglio obbligazionario diversificato, che abbracci l'intero universo del reddito fisso, può accrescere le probabilità di raggiungere gli obiettivi di reddito.

Rischio: Uno dei rischi principali legati agli investimenti nel reddito fisso è il rischio di credito. Il rischio di credito si riferisce alla possibilità che l'emittente dell'obbligazione non sia in grado di restituire il capitale iniziale e pagare gli interessi.

Le obbligazioni sono considerate meno rischiose delle azioni poiché qualora la società abbia problemi finanziari gli obbligazionisti vengono ripagati prima degli azionisti. Pertanto i bond attirano l'interesse degli investitori prudenti alla ricerca di rendimenti migliori di quelli offerti dalla liquidità.

I bond sono meno rischiosi delle azioni?

Spesso gli investitori prudenti, poco propensi ad assumersi rischi elevati con il loro capitale, allocano parte del portafoglio al reddito fisso. Contrariamente alle azioni, per cui la società non promette di restituire l'investimento, gli emittenti di obbligazioni si impegnano contrattualmente alla restituzione.

Inoltre, se una società attraversa un periodo di difficoltà finanziaria gli obbligazionisti vengono ripagati prima degli azionisti. Molti investitori guardano con favore alle opportunità di conservazione del capitale e stabilità del portafoglio offerte dal reddito fisso.

Un'alternativa alla liquidità

Per gli investitori con una scarsa propensione al rischio, un'altra opzione è conservare il capitale sotto forma di liquidità. Chi investe nella liquidità deve tener presente il rischio del costo opportunità, vale a dire il rischio che il rendimento della liquidità sia inferiore a quello disponibile altrove. Un'allocazione a titoli a reddito fisso di qualità elevata e/o protetti contro l'inflazione può essere una soluzione efficace per limitare le perdite in portafoglio lasciando un margine per l'apprezzamento del capitale.

Rischio: Il valore e il reddito degli investimenti possono aumentare o diminuire e non sono garantiti. Gli investitori potrebbero non recuperare il capitale iniziale.

PERCHÈ INVESTIRE NEL REDDITO FISSO CON iSHARES?

Gamma

Accessibilità e ampiezza della gamma

iShares vanta la più ampia gamma di ETF UCITS, composta da oltre 90 fondi, che garantisce l'accesso a tutti i segmenti del mercato fixed income*.

Qualità

Qualità dei prodotti

iShares offre gli ETF UCITS più liquidi in Europa, con uno stretto tracking dell’indice. Il rigoroso processo di costruzione dei prodotti e selezione degli indici è garanzia di qualità*.

Competenza

Partner dedicato

Accesso a servizi di trading e implementazione, analisi e costruzione del portafoglio, nonché a portafogli modello tra i migliori del settore a livello globale.

*Fonte: BlackRock, Bloomberg al 30 settembre 2020.

Rischio: I due rischi principali legati agli investimenti nel reddito fisso sono il rischio di tasso di interesse e il rischio di credito. Di norma, all'aumento dei tassi di interesse corrisponde una flessione del valore di mercato delle obbligazioni. Il rischio di credito si riferisce alla possibilità che l'emittente dell'obbligazione non sia in grado di restituire il capitale iniziale e pagare gli interessi. Non è possibile garantire il buon esito di un investimento.